Storico Acquedotto di Genova

Storico Acquedotto di Genova

Entro la fine di giugno del 2013 i gestori della rete idrica avranno l’obbligo di comunicare agli utenti finali i parametri di potabilità dell’acqua erogata al contatore principale.

Con la Delibera del 28 dicembre 2012 n°586/2012/R/IDR l’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas (AEEG) sancisce che i gestori del servizio idrico dovranno rendere disponibili, non solo sulla home page del sito, le informazioni relative alla qualità dell’acqua fornita, in modo da renderle facilmente accessibili a tutti.

Un notevole passo avanti. Se prima era l’utente stesso a doversi informare presso il gestore per conoscere la qualità dell’acqua nella zona di residenza, prossimamente i valori di riferimento saranno ben visibili in bolletta e a portata di mano di chi volesse saperne di più sull’acqua che beve e utilizza per cucinare.

Ma l’acqua “potabile” non dovrebbe essere uguale in tutta italia?

La normativa, vigente sul territorio nazionale, definisce l’acqua “potabile” se alcuni parametri chimici detti di riferimento sono inferiori o superiori a un limite definito (e quindi sono presenti in quantità non dannose alla salute umana). La qualità e le proprietà organolettiche dell’acqua, all’interno dei limiti di potabilità, dipendono poi da diversi fattori: dal tipo di fonte, dalla rete distributiva e dalla percezione personale.

Diversi Comuni come Milano e Torino, hanno già attivato un servizio on-line che consente all’utente di consultare l’analisi chimica dettagliata dell’acqua che l’acquedotto porta nella zona di residenza dell’utente.

E a Genova?

I dati esistono ma sono generici. Vengono forniti degli ampi intervalli in cui l’intero Comune rientra. La situazione non è semplice. La rete idrica genovese è alimentata da tre fonti differenti con caratteristiche completamente diverse. Di conseguenza all’interno del Comune l’acqua può essere leggera in una zona e dura in un’altra.

I gestori del servizio idrico riusciranno ad adeguarsi alla normativa?

Conoscere la qualità dell’acqua al proprio contatore è importante per decidere se e quale trattamento effettuare al punto d’uso per avere acqua buona da bere direttamente dal rubinetto!

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *